Il giorno in cui incontrai per la prima volta Riccardo Orioles
14 marzo 2017
Vittoria! Riconosciuta la Bacchelli a Riccardo Orioles
21 marzo 2017
Show all

Docenti e ricercatori università: “Orioles giornalista di chiara fama”

Anche il mondo accademico e della ricerca sul fenomeno mafioso si augura che venga riconosciuta al più presto la legge Bacchelli per il giornalista antimafia Riccardo Orioles, fondatore de I Siciliani insieme a Giuseppe Fava.
Il giornalista di Milazzo merita i benefici di questa legge. La sua chiara fama non deriva da una cattedra universitaria o dall’aver diretto un giornale. Né dall’aver pubblicato un libro con una importante casa editrice. La sua chiara fama è sancita dal suo impegno antimafioso quotidiano, nei quartieri, nelle periferie, nelle scuole. Da quarant’anni fare antimafia sociale significa soprattutto lavorare in rete e far circolare la cultura dei diritti per sottrarre spazi alle economie mafiose diffuse nei territori. Orioles ha “illustrato la patria” (come previsto dalla legge 8 agosto 1985, n. 440) in questo modo, formando generazioni di giornalisti e di attivisti antimafia. Oggi che si trova in difficoltà, lo Stato deve fare qualcosa per lui.
Tra i primi firmatari Enzo Ciconte, Rocco Sciarrone, Nando Dalla Chiesa, Larco (Laboratorio di analisi e ricerca sulla criminalità organizzata), Dipartimento di Culture, Politica e Società, Università di Torino. Comitato scientifico: Gianni Belloni, Luciano Brancaccio, Sandro Busso, Graziana Corica, Joselle Dagnes, Rosa Di Gioia, Davide Donatiello, Vittorio Martone, Vittorio Mete, Valentina Moiso, Davide Pellegrino, Attilio Scaglione, Luca Storti, Antonio Vesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *